Ipse dixit #2 Home sweet home

BO00001_0817_TOAN2013

«Margherita considerò l’appartamento con estrema attenzione. Nella stanza da letto studiò la sofficità dei materassi, contò i capi di biancheria del cassettone, picchiò con le nocche sull’armadio. Nel bagno, misurò la capienza della vasca. Nella sala-salotto-soggiorno  verificò la lucidatura dei mobili … In cucina contò tutte le pentole, i tegamini, fece scorrere l’acqua del lavandino, accese il gas, provò col dito l’efficienza della grattugia. Alla fine parlò: “Il rubinetto del lavandino non chiude bene e manca il frullino delle uova. Ad ogni modo ti sposo lo stesso”.
La casa è la base della vita: anche a doversi trovare costretti a pranzare con una sola mela, altro è il dover mangiare questa mela seduti su una panchina del parco, altro è poterla mangiare seduti a tavola con tovaglie, cristallerie e vasellami.
La casa ha un valore morale indiscutibile: nei casi disperati è la zattera cui vi aggrappate durante il naufragio, nei momenti di gioia rappresenta l’arengo, dall’alto del quale potete annunciare al mondo la vostra felicità».

Giovannino Guareschi, La scoperta di Milano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...