… anche la pecora nera arrivò a Betlemme

 

Non so bene perché certi ricordi, apparente stupidi o non particolarmente significativi, si fissano nella memoria cosciente e più passano gli anni più sembrano vividi. Forse la parte inconsapevole di noi vede nei fatti qualcosa di diverso da quello che la nostra coscienza vigile percepisce; l’inconscio tiene stretti dettagli che noi butteremmo. Chissà.

Uno di questi miei ricordi sciocchi, ma incollati alla memoria, risale a quando avevo più o meno 15 anni e andai a fare l’igiene dentale. Mi trovai di fronte a una dottoressa nuova, invece della solita cara igienista che adoravo per simpatia e dolcezza. Questa nuova era una spocchiosa arrogante che cominciò a dire cose cattive su di me, mentre me ne stavo a bocca aperta senza poter replicare. Credeva di conoscermi, era sicura fossi la terza di tre sorelle bravissime. Secondo lei, guardando la mia situazione dentale, ero la pecora nera della famiglia; lavorava e procedeva con il suo libero flusso di parole chiedendosi quanto i miei parenti fossero scontenti di una come me.

Adesso, da adulta, avrei trovato qualcosa di ironico e pungente da replicare a fine seduta, ma allora ero una timidissima adolescente che filò via di là ferita e umiliata. Neppure ebbi il coraggio di dire: “Guardi che si sbaglia, io sono figlia unica”.

Detto ciò, spesso mi chiedo perché questo ricordo non si schioda dalla mia testa e, più passa il tempo, più i dettagli siano chiari, perfino il numero di perle sugli orecchini della dottoressa. Non so davvero, ma posso comunque usarlo a buon pro. shutterstock_222742519.jpg

Era un insulto davvero grave per me essere chiamata “pecora nera”, perché cercavo di essere sempre brava, buona, diligente. Lo dovevo a mia madre che faceva salti mortali per tenere in piedi la nostra piccola famiglia a due; volevo essere qualcosa che la rendesse fiera e felice.

Sono passati ventisei anni da allora e venerdì scorso sono passata a casa della mia amica Micaela a ritirare il mio regalo di Natale a me stessa, una collana con tre pecore nere. Appena vista tra quelle da lei create, me ne sono innamorata. Non ci vedo più niente di umiliante e cattivo nel non avere il manto immacolato. Da quando ho gettato la maschera di pecorella bianchissima, ho trovato molti veri amici. Perché ho scoperto che la gente ha bisogno di avere a fianco qualcuno che sia zoppo e sporco come lei, non l’eroe senza macchia che è sempre all’altezza della situazione.

Anche io ho bisogno di amici così. Siamo un gregge un po’ infangato, ma allegro. O meglio, ci teniamo allegri anche quando le cose non vanno bene. Bisogna che aggiorni il mio presepe. Ce la devo mettere almeno una pecora nera, cioè devo mettere anche me stessa tra tutti quelli che sono in cammino verso quella Grotta che sola è luminosa, candida, immacolata.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...